Variazioni sul nudo femminile, anni 1987/1988

Questo lungo studio, paragonabile alle variazioni di Bach per il pianoforte, dove il tema unico, il nudo femminile è disegnato mano mano quando la modella gira su se stessa, si trasforma, sia forme che colori, sequenza quasi fotografica o cinematografica permettendo non solo l’analisi ma anche l’emozione plastica... evidente contrappunto alla dichiarazione di Baudelaire "Odio il movimento che sposta le forme”.
Variazioni sul nudo femminile, 100x80 cm
Variazioni sul nudo femminile, 100x80 cm
Variazioni sul nudo femminile 100x80 cm
Variazioni sul nudo femminile 100x80 cm
Variazioni sul nudo femminile, 100x80 cm
Variazioni sul nudo femminile, 150x130 cm
Variazioni sul nudo femminile, 150x130 cm
Variazioni sul nudo femminile, 150x130 cm